teoria del colore: brevi cenni

La storia della teoria del colore è ricca di maestri, filosofi e scienziati che si sono interessati ad essa arricchendo nei secoli i fondamenti che la regolano. Senza andare troppo indietro ricordiamo che Goethe, contrapponendosi alla teoria di Newton, fu colui che sostenne che la luce scaturisce dai colori e non il contrario e fu sempre  Goethe a costruire il cerchio cromatico entro il quale dispose i colori primari, il porpora, il giallo e il blu e i rispettivi complementari, il verde, il violetto e l’arancione. Da questa collocazione di tipo circolare deriva il cerchio cromatico di Itten che ancora oggi utilizziamo tutti:

la ruota dei colori
la ruota dei colori di Itten

Come si vede i tre colori primari (rosso, giallo, blu) compongono il triangolo centrale, mentre i tre colori secondari (arancio, viola, verde) completano l’esagono centrale; dalla mescolanza dei primi con i secondi derivano i colori terziari che sono disposti circolarmente secondo il criterio della vicinorietà:

I fattori

Come sappiamo l’infinita gamma di colori esistenti è possibile dalla mescolanza dei tre fattori: saturazione, tonalità e luminosità.

La tonalità è il concetto più immediato da comprendere in quanto si tratta della tinta del colore e quindi a seconda dei casi si tratterà di rosso, giallo, blu etc. In pittura si parla di colore puro senza aggiunta di bianchi o neri.

le tonalità

La luminosità invece specifica la quantità di bianco o di nero presente nel colore percepito così da renderlo più chiaro o più scuro. Anche il concetto di luminosità è fondamentale nell’utilizzo dei colori nel makeup ma anche nell’abbinamento per creare outfit armonici perché solo l’uso sapiente del chiaroscuro crea effetti cromaticamente interessanti.

esempio di  luminosità a tonalità e saturazione costanti

La saturazione invece corrisponda al grado di purezza o intensità di un colore. Il concetto di saturazione è un po’ più complicato ma è importante specialmente nella mescolanza dei pigmenti come per esempio quando ci trucchiamo. Per semplificare il concetto possiamo dire che quando un colore tende al grigio vuol dire che è poco saturo. Nella pittura,come nel makeup, si smorza l’eccesso di saturazione di un colore aggiungendo il suo complementare. Infatti in caso di rossori al viso utilizziamo i correttori verdi, la cui mescolanza producono appunto un colore neutro e si afferma appunto che il correttore verde neutralizza la couperose!

esempio di saturazione

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *